Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Lunedì 15 Agosto 2022
Italiano English

Booking.com

La banda del Capitano Melis

Perugia (PG) - Il 6 giugno alle ore 17:00 nell’ambito delle iniziative per celebrare i 70 anni dalla Liberazione dell’Umbria verrà presentato a Perugia, presso la Fondazione Ranieri di Sorbello in Piazza Piccinino 9, il volume La Banda del Capitano Melis (Mursia 2013) di Marcello Marcellini. Interverranno il professore Alberto Stramaccioni e l’avvocato Francesco Innamorati, coordinerà il professore Ruggero Ranieri.


Il volume ricostruisce in modo accurato e documentato le vicende di una formazione partigiana militare che dopo l’8 settembre si costituì a Gavelli, in Valnerina, su iniziativa di un gruppo di ufficiali al comando del capitano dei bersaglieri Ernesto Melis, figlio di Guido Melis, il direttore del carcere di Spoleto. Ernesto Melis considerava la sua formazione “un nucleo del ricostituito esercito italiano” e volle chiamare i suoi componenti patrioti e non partigiani. Dopo i primi scontri vittoriosi con i tedeschi, la fama di questa formazione composta di alcune centinaia di unità si diffuse in tutta l’Umbria. Roberto Battaglia che ne fece parte scrisse che molti giovani provenienti da Spoleto e da altre parti dell’Umbria meridionale si unirono a Melis attirati dal suo “piglio risoluto e da un non so che di misterioso che emanava dal suo sguardo”.

La resistenza militare che si sviluppò nell’Italia centrale aspetta ancora di essere studiata a fondo e il volume di Marcellini ha il merito di contribuire a colmare questo dimenticanza, forse non del tutto casuale, della storiografia resistenziale.
 

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Umbria OnLine pubblicità

MAPPA DEGLI HOTELS DELLA CITTA' DI PERUGIA:

Booking.com